title
 

Giochi coi cordini ovvero "String Figures"


Cosa

Una String Figure e' il risultato di una manipolazione di un anello di cordino di lunghezza opportuna fatta con le dita delle mani di una o piu' persone. Per ottenere il risultato finale, alle volte, si utilizzano anche la bocca, i polsi e i piedi. La figura in genere rappresenta un oggetto, un animale o una o piu' persone intente a svolgere una qualche attivita' e sovente richiede un elevato grado di destrezza per essere eseguita correttamente. Prima della "occidentalizzazione" quasi tutte le societa' "primitive" erano famigliari con le String Figures, includendo tra queste l'Oceania, il Sud_Est Asiatico, Australia, Giappone, Africa, le popolazioni dell'Artico, il Nord e il Sud America; stranamente l'Europa non e' inclusa in questo elenco. Venivano usate per divertimento o come supporto nel raccontare una storia. Avevano anche un uso magico nella divinazione tipo predire il sesso di un nascituro o fare la figura dell'animale che deve essere cacciato.

Perchè

Cosa c'entrano le string figures con un sito di alpinismo? Beh, un "legame" c'e': in fondo in alpinismo si manipolano corde, cordini e con questi si fanno nodi no? E poi.... e' divertente!!!! Il nostro scopo pero' non e' quello di insegnare a fare queste figure ma solamente di presentare quelle che abbiamo imparato a fare, una sorta di biblioteca o archivio delle nostre string figures. Se poi riusciamo a trasmettere la curiosita' o la passione a qualche visitatore, questi trovera' al fondo, nel paragrafo dei link, dei puntatori a siti molto piu' seri e istruttivi.

Come

Questo e' l'aspetto piu' delicato del gioco: come si fanno? E soprattutto come fornisco a qualcun altro le istruzioni per farlo? A parte la trasmissione diretta da persona a persona (che risulta essere il metodo piu' efficace ma non sempre fattibile) si puo' scriverne una descrizione testuale oppure mostrare una sequenza di fotografie che illustrano i vari passaggi, meglio ancora se un video. Non sempre poi un solo tipo di descrizione e' sufficiente. La nostra scelta e' stata quindi quella di creare, per ogni figura, una scheda contenente, oltre ad un eventuale commento, la descrizione testuale della sequenza di movimenti associata ad una foto della figura finale e ad un filmato che ne mostra la sequenza di costruzione. La descrizione testuale si appoggia su una "grammatica" sviluppata all'uopo cioe', piu' semplicemente, su una nomenclatura e una serie di convenzioni che snelliscono la stesura del testo rendendolo piu' compatto. Purtroppo pero' la compattezza implica una non sempre facile lettura per cui, a questo punto, e' meglio aprire una parentesi e definire le regole di questa grammatica. In rete se ne trovano diversi di questi linguaggi di descrizione, ognuno con i suoi pregi, i suoi difetti e le sue limitazioni. Noi non vogliamo entrare nel merito e ci adeguiamo alla maggioranza adottando il linguaggio moderno definito dalla ISFA. Tradurremo pero' in italiano i termini inglesi per cui per esempio la mano sinistra, che in inglese e' indicata con la lettera maiuscola L, da noi sara' indicata con S, sperando di non creare troppa confusione....... Per comodita'abbiamo raggruppato tutte le istruzioni in un unico documento visibile qui. Una ulteriore semplificazione e compattezza del linguaggio di descrizione si ottiene raggruppando e battezzando con un nome particolare delle sequenze di movimenti che si possono ripetere nella esecuzione di figure differenti. In particolare, analogamente al gioco degli scacchi per esempio, ci saranno delle particolari "aperture", indicando con questo termine delle particolari sequenze di movimenti iniziali. Oppure movimenti da utilizzare all'interno della sequenza, tipico per esempio il movimento chiamato "Navajo". Anche le sequenze finali sono state raggruppate sotto il termine "estensione", intendendo con cio' l'azione di aprire la figura o estenderla nella sua forma finale.

Oltre

La bibligrafia in rete e' sterminata; basta cercare la parola chiave "string figure"  oppure alla francese "jeux de ficelles" per trovare tonnellate di link. You Tube poi e' una miniera di filmati. Come punto di partenza citerei (oltre ad una visitina a Wiki) il sito della "International String Figures Association" che rappresenta ormai per tutti gli appassionati un importante riferimento.
Per chi preferisce un sito in francese, si puo' cominciare da qui: http://stringames.ifrance.com/
Un esteso elenco di siti sulle string figures si trova nel sito: http://www.gardendigest.com/string/index.htm

Note

Ad ogni figura e' associata una difficolta' di esecuzione e, in base a filosofia Gadan, e' stata applicata una scala di difficolta' ispirata alla scala arrampicatoria.
Ogni filmato ha associata una "colonna sonora" che non serve assolutamente a nulla. Le scelte musicali sono del Gadan DJ Deepspace indicato nella didascalia del filmato come (D) e di suo figlio Deep Jr indicato come (J).
Infine un ringraziamento di cuore a Deep Jr. per aver fatto pazientemente tutti i filmati e sopportato tutte le mie imprecazioni quando la figura non riusciva correttamente; grazie Marco!